Adozione: un Incontro tra più Storie

Adozione incontro tra più storie

Articolo scritto dalla Dr.ssa Silvia Bernardini

1. Un dono reciproco

L’esperienza dell’adozione è accompagnata da diversi vissuti che coinvolgono molteplici protagonisti. Alcuni sono più evidenti perché agiscono in prima linea, altri meno perché spesso occupano uno spazio marginale. È fondamentale invece, essere consapevoli di tutte le figure in gioco una volta entrati nell’ottica di una scelta adottiva e considerarla non tanto come un passaggio che delinea uno spaccato tra il prima e il dopo ma come un processo in continua evoluzione.

Quando si pensa ad un processo di adozione, spesso si è portati ad associare questa scelta come un gesto di grande altruismo da parte dei genitori adottivi, pensando “alla possibilità” che viene data al bambino/bambino che verrà adottato. Tuttavia, è importante uscire dall’ottica di gesto a senso unico. L’adozione, infatti, è un’esperienza che nasce dall’incontro tra più storie caratterizzate da un vissuto di perdita e un’esperienza dolorosa: la sterilità da una parte e l’esperienza di abbandono dall’altra.

I genitori adottivi porteranno con la loro storia il vissuto di perdita di un figlio naturale e il bambino il suo vissuto di perdita dei genitori biologici. Alla luce di questi aspetti, è importante considerare il processo di adozione non come un gesto altruista a senso unico, bensì considerarlo in un’ottica di reciprocità.

2. Chi è coinvolto?

Come accennato all’inizio del paragrafo precedente, i protagonisti che entrano in gioco nel processo adottivo sono molteplici ed è cruciale tenere a mente i ruoli delle parti in gioco:

2.1 La coppia

In primis la coppia. Sarà fondamentale considerare il vissuto di perdita del figlio naturale e le motivazioni che hanno portato a questa scelta, sia da un punto di vista individuale sia da un punto di vista di progettualità di coppia.

2.2 Il Bambino/bambina

Le fantasie e il vissuto del bambino/a variano inevitabilmente a seconda dell’età e quindi alle esperienze pre-adottive.

2.3 Figure di accudimento pregresse

Non si considera soltanto la famiglia biologica, che ricoprirà sempre un ruolo cruciale nella mente del bambino/a durante le diverse fase del ciclo di vita, ma anche eventuali istituti dove il bambino/a ha vissuto, le figure di riferimento associate a questi contesti che hanno ricoperto una funzione di cura durante il processo di attesa pre-adozione.

2.4 Famiglia allargata

Non solo la famiglia d’origine della coppia svolge un ruolo importante e potrebbe costituire una risorsa importante ma anche la famiglia biologica del bambino/a ed eventuali parenti, fratelli, sorelle (di sangue e non)

2.5 Figure istituzionali e sanitarie

Dal Tribunale dei minori, ai medici delle visite specialistiche coinvolti in eventuali iter di fertilità pregressi, ai professionisti sanitari che entrano in gioco nella fase di valutazione pre, durante e post adozione.

È comprensibile che di fronte a tutti questi protagonisti presenti in scena ci si possa sentire confusi, inibiti e anche spaventati.  La risorsa di questa complessità risiede nel beneficio di creare una rete (di professionisti e non), che possa supportare e accompagnare l’intero nucleo familiare in questa esperienza.

3. Promuovere una convivenza famigliare

È fondamentale ribadire un concetto accennato in precedenza, ovvero che questa esperienza si delinea come un processo non un passaggio. Bisogna quindi considerare le criticità e le sfide che possono presentarsi nel tempo (come in tutte e famiglie). 

Pur non entrando nello specifico in modo approfondito, verranno di seguito riportate alcune considerazioni fatte dal Prof. David Brodzinsky (Professore Emerito di Psicologia Clinica e dello Sviluppo, Rutgers University e Direttore di Ricerca del National Center on Adoption and Permanency):

In primis il fatto che “crescere un bambino adottato è un’esperienza diversa dal crescere un bambino nato all’interno della famiglia, perché apparterrà sempre a due famiglie

Altre considerazioni importanti, riguardano la capacità dei genitori adottivi di integrare l’esperienza dell’adozione come parte del sé del bambino/a e soprattutto promuovere una comunicazione aperta al fine di legittimare e sostenere la curiosità del bambino/a, le sue domande e soprattutto i suoi sentimenti.

Stai attraversando un momento difficile? Prenota una sessione gratuita e inizia ora a risolvere i tuoi problemi, attraverso l’aiuto della Dr.ssa Silvia Bernardini.

I Nostri Link Preferiti