Disturbo dipendente di personalità: sintomi, cause e cura

Il disturbo dipendente di personalità_ sintomi, cause e cura

Articolo scritto da  Dr.ssa Ludovica Briotti

Il disturbo dipendente di personalità (DDP) è uno dei disturbi di personalità più frequentemente diagnosticati. Provoca nell’individuo sentimenti di impotenza, sottomissione, bisogno di essere curato e di costante rassicurazione e incapacità di prendere decisioni quotidiane senza una quantità eccessiva di consigli e rassicurazioni da parte degli altri.

Questo disturbo si verifica ugualmente negli uomini e nelle donne e di solito diventa evidente nella giovane età adulta o successivamente quando si formano importanti relazioni adulte. In questo articolo ci si soffermerà principalmente sui suoi sintomi, le cause e la cura.

1. Che cos’è il disturbo di personalità dipendente

Il DSM-5 definisce il disturbo dipendente di personalità come un bisogno eccessivo e pervasivo di essere accuditi, che determina un comportamento sottomesso, aggrappato e pervasivo dovuto alla paura dell’abbandono. Ciò può essere espresso da una difficoltà a prendere decisioni di routine senza la rassicurazione e i consigli da parte di altri.

2. Disturbo di personalità dipendente: i sintomi

Le persone con Disturbo Dipendente di Personalità, spesso richiedono l’aiuto di un genitore o di una persona cara per prendere queste decisioni per loro, che possono essere di qualsiasi tipo, da cosa mangiare e cosa indossare a quando dormire. Ciò accade non perché non siano fisicamente o mentalmente in grado di poterlo fare, ma perché spesso credono di non potersi prendere cura di se stessi in modo appropriato.

Questa marcata passività porta le persone con DDP a sentrisi loro agio quando qualcun altro prende il comando e le aiuta a prendere importanti decisioni di vita. Ciò può avvenire in modi diversi; un adulto che dipende dai genitori, dal partner o dagli amici per scegliere dove vivere, la cerchia di amici da avere e il numero di figli da avere o un diplomato che lascia che i suoi genitori decidano se lo faranno l’università o meno, come dovrebbero comportarsi a scuola e così via. Questo deve accadere continuamente in diverse aree della vita perché possa essere preso come un sintomo.

Poiché temono di perdere il supporto e l’approvazione dell’altro le persone con disturbo di personalità dipendente spesso cercano il più possibile di compiacere coloro da cui dipendono. In genere temono che le loro figure di riferimento possano lasciarli, quindi non esprimono quasi mai un punto di vista diverso da loro anche quando hanno un’opinione veramente diversa.

Questo non può essere considerato un sintomo se l’individuo in questione ha paura di vendicarsi se esprime un’opinione diversa, ad esempio qualcuno in una banda o una relazione violenta.

Inoltre, le persone con Disturbo Dipendente di Personalità hanno difficoltà ad avviare o mantenere un progetto da sole. Spesso hanno l’errata convinzione di non essere abbastanza bravi o intelligenti. Ciò deriva da una mancanza di fiducia e dalla convinzione che non possono funzionare correttamente da soli. Aspettano quindi che siano gli altri ad avviare i progetti. E si uniscono volentieri al progetto quando richiesto. Per questo spesso accade che si sottometteranno a ciò che vuole la persona da cui si prendono cura anche se non gli piace ciò che la persona richiede da loro. Spesso lo portano avanti nella misura in cui potrebbero offrirsi volontari per i compiti più spiacevoli possibili per mantenere la persona con loro. A volte tollerano l’abuso nonostante adeguate opportunità di lasciare l’aggressore.

3. Disturbo di personalità dipendente: le cause

Sebbene non esistano cause dirette o specifiche del disturbo di personalità dipendente, alcune condizioni e circostanze possono aumentare la probabilità di una persona di sviluppare il disturbo. Questi includono:

  1. Relazioni violente: le persone che hanno una storia di relazioni violente hanno un rischio maggiore di diagnosi di DDP.
  2. Esperienze infantili traumatiche o disfunzionali: i bambini che hanno subito abusi (inclusi abusi verbali) o abbandono possono sviluppare DDP. Può anche colpire persone che hanno avuto una malattia potenzialmente letale durante l’infanzia.
  3. Storia familiare: qualcuno con un membro della famiglia che ha DDP o un altro disturbo d’ansia può avere maggiori probabilità di avere una diagnosi di DDP.

4. Come curare il disturbo dipendente di personalità con la terapia psicologica

La psicoterapia è la principale forma di trattamento per le persone con disturbo di personalità dipendente. L’obiettivo finale della terapia è quello di guidare l’individuo ad essere più indipendente. Questa indipendenza li aiuterà a formare relazioni sane.

Le strategie della psicoterapia includono l’addestramento all’assertività per aiutare la persona a sviluppare fiducia in se stessa e sviluppare nuovi atteggiamenti e prospettive su se stessa. La psicoterapia a lungo termine si concentra sulle prime esperienze di sviluppo che possono aver plasmato la formazione di meccanismi di difesa, mancanza di coping e modelli negativi con intimità nelle relazioni strette.

4.1 Terapia cognitivo comportamentale

Un trattamento efficace per il disturbo di personalità dipendente è la terapia cognitivo comportamentale (CBT), una forma di terapia della parola che si concentra su come una persona pensa e si comporta. L’obiettivo della terapia cognitivo comportamentale è identificare i pensieri e i modelli comportamentali negativi e sostituirli con alternative positive e utili. Gli individui che partecipano alla CBT possono apprendere abilità per aiutarli a controllare i propri pensieri ed emozioni per migliorare le capacità di coping. La CBT spesso termina ogni sessione con i compiti che il paziente deve completare, come applicare le abilità apprese alla vita quotidiana.

La CBT si concentra sulle difficoltà della vita attuale piuttosto che sui fattori precedenti che potrebbero aver portato a tali difficoltà. L’idea è di andare avanti, lontano dalla causa del problema dell’abbandono, e apprendere le capacità di coping per affrontare i fattori di stress e le situazioni nel presente.

Le strategie e le abilità CBT possono includere:

  1. Identificare situazioni di vita attuale che causano disagio
  2. Identificare e affrontare le paure piuttosto che evitarle
  3. Utilizzo di tecniche di rilassamento per calmare il corpo e la mente
  4. Identificare e ristrutturare il pensiero distorto

Stai attraversando un momento difficile? Prenota una sessione gratuita e inizia ora a risolvere i tuoi problemi, attraverso l’aiuto della  Dr.ssa Ludovica Briotti.

I Nostri Link Preferiti