Expat Blues: Che Cos’é e Come Superarlo

Expat Blues: Che Cos’é e Come Superarlo

Trasferirsi all’estero è un capitolo nuovo ed entusiasmante nella vita di una persona. Puoi sperimentare cose nuove, nuove persone e nuove culture. Ma c’è un problema che può sorgere con quasi chiunque e la maggior parte delle persone non lo riconosce o non ne parla.

Si tratta dell’Expat Blues. La depressione da espatriati è un vero problema e colpisce molte persone. Mentre lo stress iniziale di spostare i luoghi è normale, ma se il problema persiste anche dopo mesi e non svanisce. Potresti avere a che fare con l’Expat Blues.

Potresti non saperlo, ma potresti aver sviluppato la depressione da espatriato. Identificare questi problemi è il primo passo per risolverli. Ecco un elenco di cinque cose che possono aiutarti a identificare il blues degli espatriati.

1. Perdita di interesse per le cose che una volta ti piacevano

Dopo esserti trasferito nel tuo nuovo paese, non puoi fare a meno di notare che non trovi i tuoi hobby precedenti così divertenti. Hai perso interesse per loro o non puoi impegnarti in loro. Qualcosa dentro di te ti dice che dovresti, ma non ci riesci.

L’isolamento iniziale e la frustrazione sono normali dopo aver cambiato paese. Diminuisce con il tempo. Ma, nel tempo, se ti accorgi di perdere interesse per qualcosa che una volta portava gioia, potresti avere a che fare con la depressione degli espatriati.

2. Stanchezza e mancanza di energia

Sei sempre stanco. Trascorri la maggior parte del tuo tempo in casa e non riesci a trovare la motivazione per partecipare a nulla. Anche svolgere compiti semplici sembra un peso. Ti senti esausto e non riesci a trovare l’energia per fare qualcosa che ti piace.

Un sacco di energia e motivazione possono anche essere un indicatore del blues degli espatriati. Se trovi difficile portare a termine compiti difficili, potrebbe indicare depressione.

3. Problemi di sonno e appetito

Trovi difficile riprendere i tuoi precedenti schemi di sonno. È difficile addormentarsi di notte e potresti persino sviluppare l’insonnia. D’altra parte, potresti persino iniziare a dormire sempre di più e sentirti ancora stanco. Si verifica anche un notevole cambiamento nella dieta e nel peso.

O stai mangiando più del solito o non trovi appetito. Anche l’esperienza di tali problemi per periodi prolungati è tra gli indicatori comuni della depressione degli espatriati.

4. Sentimenti di colpa e inutilità

Ti senti inutile e in colpa per te stesso. Pensi che le persone nel tuo quartiere non ti considerino una persona giusta e non gli piaci. La nuova cultura ti sta mettendo pressione e pensi di non poter stare al passo con le cose. Stai diventando nostalgia di casa e non puoi scrollarti di dosso il senso di colpa e inutilità.

Anche provare la sensazione di non essere abbastanza o provare un’enorme pressione che diventa troppo difficile da affrontare può indicare la tristezza di un espatriato.

5. Pensieri di morte e suicidio

Non trovi la vita piacevole come una volta. Stai soffrendo in silenzio e i sentimenti di depressione non stanno andando via. I tuoi pensieri negativi stanno aumentando e non puoi farci niente. Hai sviluppato una tossicodipendenza e spesso hai pensieri suicidi.

Avere pensieri di suicidio e morte significa che dovresti cercare immediatamente uno psicologo professionista. Questi pensieri possono essere indotti a causa di estrema pressione e depressione. Provare tali sentimenti può essere un pericoloso indicatore della tristezza degli espatriati. Dovresti trovare immediatamente un terapista in modo che possa aiutarti.

Conclusione

Il primo passo verso la soluzione di un problema è la sua identificazione. Il blues degli espatriati è un vero problema e se trovi uno o tutti questi segni che interferiscono con le tue attività quotidiane, cerca immediatamente il supporto di un terapista professionista. La terapia ha cambiato drasticamente molte vite e sicuramente ti aiuterà a far fronte allo stress e renderà la tua esperienza all’estero molto migliore.

Get More Posts