Per Cosa Sono Portato? Scelta della Scuola e del Lavoro

Per cosa sono portato, la scelta della Scuola e del Lavoro

Articolo scritto dalla Dr.ssa Ledi Miotto

Introduzione

“Scegliere: individuare tra più cose quella che, in base ad un confronto fondato su valutazioni oggettive o soggettive, appaia più rispondente allo scopo o più adatta alla circostanze”. Il processo di scelta, come vedete già dalla definizione, è di per sé un processo complesso, figuriamoci quando dobbiamo scegliere in giovane età, consapevoli che poi la scelta avrà ripercussioni sul nostro futuro prossimo e non solo, pensiamo per esempio alla scelta della scuola superiore o dell’università. Vediamo quindi di fare un po’ di chiarezza.

1. Cosa ci influenza nelle scelte?

Quando dobbiamo fare una scelta siamo influenzati da diversi fattori, ne vedremo i principali:

– il nostro carattere gioca un ruolo fondamentale: se siamo più istintivi tenderemo a scegliere con più facilità ma anche in maniera più sbrigativa, se invece siamo più riflessivi tenderemo a fare scelte molto più pensate e ragionate, a volte anche troppo;

  1. – il nostro senso di autostima o autoefficacia: cioè quanto ci ritendiamo in grado di far fronte ad una determinata situazione o percorso formativo
  2. – il giudizio o parere altrui: il parere delle persone a noi care gioca un ruolo importantissimo e tende ad influenzarci molto
  3. – i bias cognitivi: cioè processi di pensiero semplificati che rischiamo di portarci su strade sbagliate. Un esempio di bias cognitivo è lo “stereotipo” ossia la visione generalizzata e condivisa su una determinata situazione, avvenimento (es. con le lauree scientifiche sicuramente si trova lavoro), un altro esempio è la “Fallacia di Gabler” cioè la tendenza a dare rilevanza a ciò che è accaduto in passato rispetto alle possibilità future (es. se sono sempre andato male in matematica penserò di andare male anche in futuro precludendomi le scuole con molta matematica)

Tutto ciò potrebbe non permetterci di dare valutazioni corrette e falsare così la nostra scelta.

2.  Su cosa dovrebbe basarsi invece una valutazione consapevole ed oggettiva?

Una scelta, per essere ben fatta, dovrebbe basarsi su Passioni e Attitudini personali con uno sguardo al contesto di riferimento.

La passione è quell’inclinazione, quel desiderio che proviamo verso qualcosa, in un’ottica lavorativa è quel piacere che deriva dallo svolgere una determinata attività e che ci porta a dire “mi piace”, l’Attitudine invece è la capacità o l’abilità che una persona possiede o sviluppa e che la fa ben riuscire in un contesto scolastico o professionale, quindi il “mi riesce bene”, pensiamo a tutte le soft skills richieste dagli ambienti scolastici e professionali: capacità comunicativa, team work, problem solving, resistenza allo stress…

L’ideale chiaramente sarebbe coniugare passioni e attitudini e fare un esame di realtà che ci permetta di capire quanto poi il nostro progetto formativo, professionale sia realizzabile nel contesto sociale dove viviamo o vorremmo andare a vivere.

Facciamo qualche esempio: se sono una persona portata alle relazioni, che ama comunicare e stare con gli altri, con un buon livello di autonomia probabilmente sono adatta a ruoli che hanno a che fare con la comunicazione, il marketing, il commerciale, se invece sono preciso, attento, mi piacciono i numeri, analitico sarò più portato per ruoli tecnici, informatici o statistici.

3. Cosa ci può quindi aiutare nel momento della scelta?

La consapevolezza di chi siamo, delle nostre passioni e delle nostre abilità, dei nostri punti di forza, assieme al confronto con chi ci conosce come i nostri insegnanti e i nostri genitori può indicarci la via da seguire per intraprendere un percorso adatto a noi. Il tutto va contestualizzato alla realtà nella quale siamo inseriti per capire se il nostro obiettivo può essere realizzato nella zona nella quale siamo cresciuti o se per realizzare il nostro sogno dovremmo spostarci, questo è un ulteriore indicatore che farà pendere l’ago della bilancia verso la scelta ponderata.

Stai attraversando un momento difficile? Prenota una sessione gratuita e inizia ora a risolvere i tuoi problemi, attraverso l’aiuto della Dr.ssa Ledi Miotto.

I Nostri Link Preferiti